Feeds:
Posts
Comments

La nuova collezione di Hoss Intropia mi ha letteralmente conquistata. Seguo questo brand da qualche anno e i suoi capi sono realizzati con tessuti ottimi e sono originali pur nella loro estrema semplicità. Il prezzo si aggira sulla fascia medio alta, esempio per un maglione il prezzo della stagioe AI era intorno ai 180€, quindi in genere aspetto il saldo al 50%.

Tornando alla nuova collezione, bella l’idea di promuoverla con Helena Christensen, che da top model, di quelle vere, è passata a coltivare la passione per la fotografica, che per Hoss esprime con degli scatti realizzati, così c’è scritto, nella sua casa a Copenhagen.

Ma arriviamo ai miei pezzi preferiti della stagione estiva. Vi metto un po’ di immagini realizzati con un po’ di cut & paste.

La giacca a sinistra, perfetta di giorno, è veramente elegante e chic. Con le maniche tirate su si riesce a sdrammatizzarla quel tanto che basta per abbinarlo ad un jeans od un pantalone casual bianco.

Continue Reading »

Advertisements

Una delle memorie più piacevole dei viaggi in Scandinavia, o in generale nei paesi freddi d’Europa, è sicuramente il momento “piumino”. La prima volta ci si trova un po’ spiazzati a doversi infilare in un “sacco senza lenzuola“, almeno per noi italiani abituati ai tanti strati del letto d’inverno. Il primo pensiero è: “ora morirò di freddo!”. Mai pensiero fu più sbagliato. L’esperienza di un piumino danese è indimenticabile, per il suo calore istantaneo e la sua morbidezza. Senza parlare della velocità con cui la mattina si rifà il letto.

Tante parole per dire che finalmente quest’anno ho deciso di mandare in pensione il vecchio piumino verde a fantasia, che fa tanto adolescente cresciuta. La scelta, ovvio, ricade su Ikea e i suoi piumini economici, sì, ma di qualità. Le opzioni a disposizione sono molte di più di quelle che ci si aspetta, fra varianti di calore (4,5,6 gradi, etc..) e tipologia di materiali (piuma, sintetico). Idem per i cuscini, da scegliere in base alla posizione in cui si dorme di solito: di schiena, di fianco, etc.. Questi svedesi, va detto, sono gente chiara ed organizzata, così diventa facile portarsi a casa il modello giusto.

Piumino e copripiumino grigio Ikea

 

Ecco come ho composto il mio set letto inverno:

Continue Reading »

La scelta della ricetta

MISSIONE: “fare una vostra reinterpretazione di una, qualsiasi, ricetta presa nel Libro del cavolo”, anche nota come ‘La festa del cavolo

SCADENZA: 30 giugno 2010 (praticamente oggi, mancano poche ore!)

RICETTA: “Biscotti al Té Matcha” pagina 24/235 de “il libro del cavolo

SQUADRA: Paola, 34 anni, Grottaferrata, Chef per un giorno

Marilena, 34 anni, Grottaferrata, addetta alla parte digitale

Sofia, 9 anni, aiutante chef, motivatrice e musa ispiratrice

SPONSOR: mamma/nonna Bruna che ha messo a disposizione cucina, ingredienti e “set fotografico”

Come al solito.. ci riduciamo all’ultimo minuto. Partecipiamo, non partecipiamo, ci rideranno dietro. Questa ricetta, no meglio l’altra….

Insomma i giorni sono passati in un lampo da quanto il concorso è stato lanciato, però, ecco, lasciarselo sfuggire era un peccato. Ci voleva la nostra piccola nipotina Sofia a “darci una mossa”. Detto e fatto ha sfogliato “il libro del cavolo” e scelto la sua ricetta preferita: MATCHA!

Tutto pronto per partire, il tè matcha c'è!

In genere la “nonna” non concede la sua cucina dopo le diciotto, perchè poi, si sa, ad una certa, lei deve preparare la cena. Stavolta però ha capito che la posta in gioco era alta, qui si trattava di “roba d’onore”! Partecipare al concorso della nostra foodblogger preferita che ci ispira con i suoi piatti e i suoi viaggi nel mondo.

Per farla breve, la preparazione dei biscotti al Tè Matcha procede spedita e senza intoppi. La ricetta è facilissima e i biscotti vengono infornati e sfornati in quattro e quattr’otto.

Continue Reading »

Wonderful Copenhagen

[blip.tv ?posts_id=1821036&dest=-1]

La prima volta che metti piede in terra scandinava la semplicità e la tranquillità con cui le persone prendono la vita ti spiazza e un forse po’ ti infastidisce.

L’architettura stessa  è così  lineare, pulita ed essenziale da apparirti quasi noiosa.

Mentre guardo il video in cui la designer emergente Louise Campbell si racconta le sensazioni che provo sono le stesse ed è solo alla fine che mi lascio andare, mi rilasso catturata dall’aria “cozy” che permea l’intera città di Copenhagen e ricordo perché il mio amore per il Nord Europa sia ancora forte.

La mia Casa immaginaria è piena di altrettanti oggetti immaginari e non mancano le porcellane di Royal Copenhagen come anche le creazioni di  Louis Poulsen: la lampada by Louise Campbell che porta in casa i colori del sole e della natura si aggiunge alla lunga lista dei desideri.

Barocco

Mentre guardo Alba sfrecciare con la sua auto fra i vicoli di Lecce  mi sembra di essere seduta accanto a lei e mi ritorna alla memora quell’emozione forte, coinvolgende e ancora così viva che quella città mi ha lasciato.

Mi sono innamorata della sua luce e del colore e calore della pietra.

Nella mia Casa Innaginaria sogno di poter avere un pezzettino di tanta bellezza e magari anche qualche oggetto in cartapesta e un arazzo , perché no?.

Saudade…svedese 2

Suonava un famoso ritornello “Let it snow, Let it snow,Let it SNÖ …”

Si perché in in Svezia se nevica e si bloccano i mezzi di trasporto nessuno ti chede di portarti panini e maglioni ,ma ti offrono scuse, rimborsi e sconti per i futuri abbonamenti.

Il problema del mio paese tuttavia, non è solo che difficilmente ci  si vuol prendere fino in fondo le responsabilità del proprio lavoro,ma non si ha neppure la furbizia e l’intelligenza  – non dico l’umiltà – di ammettere uno sbaglio quando questo risolverebbe la questione bene e velocemente.

Le stesse cose che dico quando parlo della mia storica ricerca di casa le potrei usare per qualunque altro argomento …sto diventando anziana accidenti!

(Foto by Thoursie sxc.hu)

Ipse Dixit

Si è tornati al mercato degli anni Novanta – commenta il presidente di Scenari Immobiliari, Mario Breglia – compra la casa solo chi è più ricco e non ha bisogno di alcun aiuto finanziario per acquistare [via Quotidiano Immobiliare]